Ecco qui la terza parte sui fiori tipici del Giappone! Un po’ diverso, con alcuni nomi tratti da Violet Evergarden 『ヴァイオレット・エヴァーガーデン』. Sotto, il link alle prime due parti.

Violetta (菫 – Sumire)

Molto amata in Giappone soprattutto in passato, venne dato il nome ‘sumire’ a questo fiore per la sua forma. Infatti, ricorda un contenitore per inchiostro (sumi). La violetta è popolare perchè si trova un po’ dappertutto; inoltre ne esistono più varietà in Giappone che in un altro stato. Poichè il significato delle violette è sincerità, affetto, gioia, vengono spesso utilizzate come regalo. E’ un modo per esprimere affetto verso gli amici e i famigliari, oltre che piccole promesse tra innamorati. La violetta si trova anche in molte poesie e poemi giapponesi.

Luculia (ルクリア – Luculia)

Arbusto originario della provincia di Assam in India, ha fiori rosa o bianchi e fiorisce in autunno. La varietà Luculia pinceana o Assam nioizakura (アッサムニオイザクラ) è conosciuta in Giappone per i fiori rosa dal profumo dolce; qualcuno lo paragona al profumo dei fiori di ciliegio, qualcuno a quello del gelsomino. La varietà più popolare, invece, trae in inganno perchè il profumo è simile alla gardenia. La luculia richiede particolari attenzioni e cure da parte di chi decide di coltivarla. Potete trovarla in versione ‘cartacea’, come origami.

Cattleya (カトレア – Katorea)

Originaria dell’America meridionale, appartiene alla famiglia delle orchidee. Deve il nome al mercante e giardiniere inglese William Cattley. Furono proprio gli inglesi a introdurre la cattleya in Giappone durante il periodo Meiji. Il colore dei fiori va dal bianco al viola intenso. Esistono circa quaranta varietà di cattleya; la più popolare in Giappone è la hinoderan (ひのでらん). Questi fiori sono usati principalmente a scopo ornamentale e sono associate al fascino dell’avanzare d’età, soprattutto in riferimento alle donne.

Iris (菖蒲 – Ayame)

Considerato il fiore simbolo di maggio e rintracciabile anche nel gioco hana karuta (花かるた), l’iris fiorisce tra la primavera e l’estate, a seconda della varietà. Dal periodo Edo, l’iris simboleggia anche il Giorno dei bambini; infatti, in passato si festeggiava inscenando finti duelli in cui i bambini utilizzavano iris invece che spade. L’iris si ritrova anche in molti dipinti e come motivo decorativo nelle stoffe. Anche per l’iris trovate la versione origami. Inoltre, Ayame è un nome femminile abbastanza popolare in Giappone.

Bougainville (ブーゲンビリア – Būgenbiria)

Fiore originario del Brasile, in Giappone la bouganville si trova soprattutto a Okinawa. E’ un fiore molto usato nei giardini per i suoi colori vivaci: le varietà giapponesi sono cinque, i colori vanno dal bianco, al rosa pallido, all’arancio e al viola. Nel linguaggio dei fiori simboleggia il fascino e la passione. Ultima curiosità. Con il termine Campagna di Bougainville si indica una serie di battaglie combattute nel Pacifico tra gli Alleati e il Giappone durante la seconda guerra mondiale.

Della stessa serie:

5 fiori tipici del Giappone (parte 1)
5 fiori tipici del Giappone (parte 2)

 

Cover photo: Joe Shlabotnik Violets via photopin (license)

Rispondi