State pensando di andare a studiare o lavorare all’estero e non sapete quale certificazione di lingua inglese scegliere? Vi riporto qui una lista delle principali certificazioni, più le mie osservazioni finali. Ci tengo a precisare che non ho nessun tornaconto nel raccomandare un esame piuttosto che l’altro, a differenza di molti altri siti, e che quello che scrivo deriva da esperienza diretta.

IELTS

Lo IELTS – International English Language Testing System – basa la valutazione su una scala da 0 a 9. Questo significa che non potete non passare l’esame, ma solo che il vostro livello è raso terra (0) via via fino a esperto (9).

Esistono due tipi di test. Per chi vuole studiare o lavorare all’estero senza laurea è consigliato lo IELTS General Training, che fornisce le basi per sopravvivere nella vita di tutti i giorni. Per chi vuole studiare ed è in possesso di laurea o per chi vuole esercitare la professione all’estero, è consigliato lo IELTS Academic. I due test sono strutturati nello stesso modo: listening (ascolto), reading (comprensione), writing (scrittura) e speaking (conversazione). La prova di conversazione è un colloquio con un esaminatore e può svolgersi lo stesso giorno del test, oppure a partire da una settimana prima o entro una settimana dopo. Entrambi durano 2 ore e 45 minuti e il prezzo è di 238 euro.

A fine test potete dare i nominativi di 5 organizzazioni/università a cui mandare gratis l’esito dell’esame. Per mandare i risultati ad altri, dovrete rivolgervi al centro dove avete sostenuto l’esame e pagare una tassa.

Dopo circa due settimane dopo il test e per 28 giorni, i risultati sono disponibili facendo l’accesso al sito ufficiale. Inoltre, sarà spedita a casa o al centro dove avete sostenuto l’esame una copia cartacea dei risultati. Il punteggio è valido per due anni, ma potete rifare l’esame in qualsiasi momento.

TOEFL

Il TOEFL misura l’abilità di capire e usare l’inglese in ambiente universitario. La scala di valutazione va da 0 a 120 punti per il test iBT, il più diffuso. Anche qui è impossibile fallire l’esame.

Il test è strutturato in quattro sezioni: reading, listening, speaking, e writing. La tipologia di domande si basa sulla vita di tutti i giorni in un’università anglosassone. Il test può includere domande extra nelle sezioni reading o listening, ma servono principalmente per rapporti interni e non contribuiscono al punteggio. Purtroppo non saprete con certezza quali sono queste domande.

Il TOEFL iBT dura 4 ore e 30 minuti, contando anche il tempo di preparazione e le pause. Il costo varia a seconda dello stato, per l’Italia sono 255 dollari (circa 227 euro). La prenotazione è principalmente online, ma è disponibile anche via telefono e posta.

A fine test potete dare i nominativi di 4 organizzazioni/università a cui mandare gratis l’esito dell’esame. Per ogni altro report vogliate inviare, la tassa è di 20 dollari; questi report possono essere ordinati online, via fax o posta.

Dopo circa dieci giorni dopo il test, riceverete un’email che vi avverte che il vostro punteggio è visibile online. Potete anche scaricare un pdf del report per uso personale. Oltre ai punteggi nelle varie sezioni, vi sarà dato un feedback sul livello raggiunto con quel punteggio. Inoltre vi sarà spedita a casa una copia cartacea dei risultati. Idem come sopra: il punteggio è valido per due anni, ma potete rifare l’esame in qualsiasi momento.

Cambridge English

Questo è l’unico test di cui potete scegliere la difficoltà, e che perciò si può anche fallire. Il range va dall’A1 al C2 – e sono quelli che alle medie e superiori le scuole propongono spesso per qualche credito/attività extra (tipo il PET). Le sezioni da testare sono tre: reading e writing, listening, speaking. Potete scegliere esame cartaceo o al computer.

Una volta cercato sul sito in quali centri è possibile effettuare il test prescelto, bisogna contattare direttamente loro per le date disponibili e la registrazione. Il costo varia a seconda del test e del luogo; indicativamente per il PET il costo dovrebbe aggirarsi sui 100-120 euro.

I risultati sono disponibili entro 3 settimane per l’esame al computer o entro 6 per quello cartaceo. Possono essere visti registrandosi al portale online; inoltre verranno inviati al centro presso cui avete sostenuto l’esame, solo dopo la pubblicazione online, con tempi di diverse settimane. La certificazione non ha scadenza.

BULATS

Di tutte queste certificazioni, il BULATS è l’unico che si focalizzi interamente sul mondo del lavoro e le scuole di economia. Nel test sono presenti le quattro sezioni di writing, listening, speaking e reading, con domande mirate alla vita di tutti i giorni e all’ambiente lavorativo. Speaking e writing sono facoltative. Anche questo è impossibile da fallire.

Ci si può registrare via telefono o email alla segreteria centrale, che vi suggerirà le location più vicine a voi. Potete scegliere se fare il test in un blocco unico o in più giorni. Il test dura circa 2 ore (1+1 facoltativa) e il costo è di 50 dollari (circa 45 euro).

Per reading e listening i risultati sono immediati, per le altre sezioni verrà indicata la data in cui saranno disponibili.

La certificazione non ha una scadenza, ma vi possono chiedere certificazioni aggiuntive, qualora sia più vecchia di due anni.

La mia esperienza

Quando mi era ormai entrata in testa l’idea di un master in USA o UK, ho fatto le mie ricerche. In base alle università che avevano corsi interessanti, le mie scelte erano IELTS o TOEFL. Per puro caso il centro TOEFL era più comodo, quindi quello è stato. Devo dire che mi sono sempre trovata bene, nonostante ogni volta faccia il test in un posto diverso. E, col senno di poi, è stata una scelta di cui non mi pento assolutamente.

Il TOEFL è la certificazione più accettata nel mondo, e a volte è l’unica (leggete sotto). Per me è una comodità pazzesca poter fare tutto online, dalla prenotazione alla lettura/spedizione del report dei risultati. Che il centro dove ho sostenuto l’esame sia chiuso o meno poco importa, perchè ETS gestisce tutto direttamente e in pochi click. So che quel giorno e solo quello è dedicato all’esame. I tempi di attesa dei risultati sono brevi e quelli di iscrizione discretamente lunghi. In più, c’è un sacco di materiale sia gratis sia a pagamento, messo a disposizione al momento dell’iscrizione (come opzione).

In più, il TOEFL non si focalizza tanto sulla grammatica, quanto sul farti capire e supportarti nella vita di tutti i giorni. Trovo che questo aspetto sia veramente molto importante: quando siete all’estero, prima di tutto avete bisogno di farvi capire!! Che non vuol dire essere sgrammaticati, ma è meglio conoscere termini più specifici per riuscire a farsi comprendere. 

Anche se sono due account separati, ETS gestisce anche il test GRE; perciò sia il sito che l’esame sono molto intuitivi, avendo già sostenuto il TOEFL.

Quindi quale certificazione di inglese scegliere?

Vediamo caso per caso.

Studenti delle superiori: non perdete delle ore, anche se ve le fanno a scuola, a studiare per i vari PET. Studiate bene l’inglese che vi propina il vostro professore e basta. Aggiungete qualche film e/o canzone in lingua: sono virtualmente gratis e passate il tempo a fare qualcosa di piacevole.

Studenti universitari e chi vuole lavorare in Italia: se vi serve per non dover fare l’esame di inglese, scegliete il First del Cambridge English. Vi fa ottenere un livello B2 e 9.9/10 è riconosciuto da ogni università italiana. In alternativa, per TOEFL e IELTS di solito non vengono chiesti gran punteggi. Iscrivetevi a quello che vi sembra fattibile e puntate al punteggio preciso indicato dall’università.

Chi vuole andare a studiare in Europa: le università europee accettano comunemente sia TOEFL che IELTS, molte anche le altre certificazioni Cambridge English. Ovviamente, direi, visto che sono state sviluppate in UK. Il sistema europeo cerca di pubblicizzare di più IELTS e le altre Cambridge English perchè sono di casa. Spesso i punteggi richiesti sono più bassi rispetto agli standard americani.

Chi vuole andare a studiare in USA/Canada: direi TOEFL senza pensarci troppo, ma anche IELTS. La media dei punteggi TOEFL è 69-79 per l’undergraduate e 79-89 per il graduate. Per il dottorato potrebbe essere chiesto più di 100. Di pari passo, per lo IELTS sono rispettivamente 5.5-6.5 e 6.5-7. Iscrivetevi a quello che vi viene più comodo.

Chi vuole andare a studiare in Asia e Oceania: qui arrivano le dolenti note. Per quello che ho visto, spesso il Giappone accetta il TOEFL senza pensarci, ma non lo IELTS. Quantomeno, bisogna inviare un’email spiegando il tipo di certificazione che si ha, chiedendo se si può usare quella nell’application. Lo IELTS può essere visto come qualcosa di più europeo che mondiale, questo è quello che ho dedotto.

Chi vuole emigrare e stabilirsi all’estero: varia da stato a stato. In Canada vi viene riconosciuto solo lo IELTS, per esempio. Australia e Nuova Zelanda riconoscono il TOEFL. Agli stati asiatici non importa che sappiate l’inglese, ma la lingua locale.

Chi vuole lavorare all’estero: se avete già in mente un’azienda specifica, potete controllare sul loro sito o chiedere via email. Tanto più se sono in Europa, probabilmente vi riconoscono il BULATS senza troppi problemi. Meglio il TOEFL dello IELTS, perchè si focalizza di più sulle conversazioni della vita quotidiana.

Insomma: dovete controllare i tipi di certificazione ammesse e i punteggi richiesti. Tenetevi un paio di alternative, perchè potreste non avere un centro d’esame vicino. E magari fate in modo che una delle vostre scelte sia il TOEFL.

Fatemi sapere come vi siete trovati e barcamenati tra le varie certificazioni!

 

Cover photo: timlewisnm via flickr.com (CC BY-SA 2.0)

Rispondi