2017, anno pesante

Quest’ultimo periodo si sta rivelando piuttosto complicato. Per qualche strano motivo, nonostante avessi iniziato il semestre autunnale in modo super organizzato, è andato tutto all’aria nei primissimi giorni di lezione. Sarà stata l’attitudine rilassata dei professori, sarà che capitano sempre mille imprevisti…. E’ stato come se una cosa tirasse l’altra e finisce sempre che arrivo a sera stanchissima chiedendomi il perchè. Sembra di non fare niente di che, poi mi guardo indietro e scopro che ho fatto mille cose, pur avendone altre mille da finire.

Assignment con data di consegna non del tutto chiara, ‘poi ve la confermeremo – ah, c’è ancora una cosa da fare’, lezioni su lezioni, ricerca di lavoro, casa e problemi annessi, salute…. Quest’anno non è decisamente un anno da ricordare con particolare gioia, anzi, sarebbe quasi da dimenticare. L’unica vaga consolazione è che, a sentir parlare famigliari, conoscenti e amici, è stato un brutto anno per tutti, doveva proprio andare così, forse.

Certo, ho avuto anche dei momenti carini: per la prima volta ho un appartamentino tutto mio, ho comprato dei mobili carini, il che non guasta. Finora ho un’ottima media, l’università inglese è decisamente meglio di quella italiana. Abbiamo provato a fare un po’ i turisti, andando a spasso per lo Yorkshire e il nord Italia, e, anche se non sembra sul momento, se mi giro indietro mi accorgo di aver passato tanto tempo e bei momenti con il mio tesoro, che era uno degli obiettivi del 2017.

Nonostante le cose belle, sto arrivando a fine anno stanchissima e depressa, presa da mille preoccupazioni su cosa succederà l’anno prossimo, auspicando che possa essere migliore.

Sono grata di aver potuto frequentare l’università qui, ma non mi ci vedo a vivere in Inghilterra (o comunque UK) per tutta la vita. Vorrei sfruttare questi anni per vedere un po’ il mondo, capire dove poter piantare le radici, senza sentirmi troppo legata a un posto. Mi sono sempre fermata a lungo nello stesso posto: le superiori mi sono sembrate lunghissime, l’università italiana peggio ancora…. C’è qualcosa là fuori, c’è tutto un mondo da vedere, esplorare!

どこまで行けるか、なんて
Quanto lontano potrò andare? Quanto?
すぐまで行ってみたいか次第でしょ
Credo che lo saprò solo quando inizierò a muovermi
Bon Bon Voyage – AIKATSU☆STARS!

Follow me

Rispondi